mercoledì 18 ottobre 2017

COCKROACHES: "REST IN PIECES" (Area Pirata, Cd 2017)


"Rest In Pieces" è l'album giusto al momento giusto.
O meglio, si avvicina Halloween e la manciata di pezzi che i Cockroaches ci lanciano addosso come sanpietrini, e non perchè siamo bellissimi, incarna la colonna sonora ideale per una notte oscura di balli sciolti ed epilettici.
Psychobilly in your face con un piglio energetico e saturo che recupera il meglio dal passato, superandosi nella reinterpretazione dei classici 3 accordi con perizia, intelligenza e un'attitudine punk/grandguignolesca assai lontana dall'essere stucchevole e ripetitiva e che rappresenta il vero plus dell'album.
Insomma i kids di Roma, ormai quartetto super rodato, buttano sul piatto un upgrade assai "contemporaneo" del genere, al punto tale che non sfigurerebbe in nessuna Battle of the Garage in giro per l'Europa.
Le grafiche dell'album sono accurate e super stilose, il background acclarato fin dall'intro, l'interpretazione sull'orlo dell'esaurimento nervoso di Bandido Maldito è la ciliegina sulla zucca sanguinante: "Rest In Pieces" si rivela dunque un secondo lavoro completo e ben orchestrato in tutte le sue sfumature, featuring compresi, grazie al puntuale apporto strumentale di Mr.Hyde (batteria), Greri (chiattarra) e Labanero (basso).
Pioggia di sangue (farlocco) assicurata e divertimento a go go con gli Scarafaggi aka Cockroaches.






Davide Monteverdi



venerdì 13 ottobre 2017

SUB POP PACK REVUE #01


I Downtown Boys sono una vera bomba ad orologeria.
O meglio il loro "Cost Of Living" deflagra già dall'intro di "A Wall" e così via per tutte le tracce di questo primo lavoro marchiato Sub Pop.
Cantate, urlate, scagliate in your face una per una dalla poderosa voce di Victoria Ruiz.
Sorta di avanguardia sonica e iperpoliticizzata del quintetto di Providence capitanato dal polistrumentista Joey LaNeve DeFrancesco.
Produce e mixa Guy Picciotto e per me potremmo chiudere anche qui.
L'ex Fugazi infatti dona rotondità ed ordine all'impellenza della musica, disegnandola perfettamente intorno alle liriche di pura protesta sociopolitica, trasformando il caos in un ordinato manifesto di sopravvivenza urbano e contemporaneo.
Non facilissimo al primo ascolto "Coast Of Living", poi via via godibile e penetrante fin nei recessi dell'anima.
Insomma un pò Fucked Up, un pò X Ray Spex, un pò Fugazi.
E quando entra il sax di Joe DeGeorge tutto acquista definizione e spessore artistico.
35 minuti scarsi di schiaffi in faccia ben piazzati.






La Sub Pop non sbaglia un colpo nella pianificazione delle sue uscite discografiche ed anche per il 3° lavoro dei Metz riceviamo da Seattle l'ennesima conferma: il sodalizio con il power trio di base a Toronto continua il suo percorso creativo all'insegna della schizofrenia musicale più imprevedibile, e alla faccia di qualsiasi mercato orientato al fighettismo.
I Metz pestano sì come fabbri, ma si rivelano professionisti scafati nel fondere istanze post tutto: post punk, post hardcore, post wave.
Difficili eppure immediati nel loro impasto di liriche e rumore, rivendicazioni e iconoclastia.
Se all'equazione basica aggiungete poi la variabile impazzita al mixer, e che di nome fa Steve Albini, il messaggio arriverà ancora più forte e chiaro, "Strange Peace" è un'arma da maneggiare con prudenza.
Un muro granitico i cui 11 monoliti sono assemblati con grande sagacia e maturità.
Tra Wire, Jesus Lizard, Shellac, Gun Club e pochi altri in un continuum spazio/tempo che  affascina e disturba in ugual misura.







Davide Monteverdi.


martedì 3 ottobre 2017

LALI PUNA: "TWO WINDOWS" (Morr Music, cd 2017)


Si è presa un pò di tempo Valerie Trebeliahr per licenziare "Two Windows", 7 anni dal precedente "Our Inventions" possono sembrare un'infinità nel 21° secolo, e soprattutto per curarne la gestazione ancora una volta per la fidata Morr Music dopo la doppia, sofferta, separazione da Markus Archer (Notwist), compagno di vita e membro di un certo peso all'interno della band.
Nonostante tutto la compagine di Monaco impatta discretamente nel 2017, regalandoci un 5° album teso al ritmo, al rinnovamento graduale mantenendo però uno sguardo attento alle origini.
Scorrendo la tracklist e le note informative non passano certo inosservate le prestigiose collaborazioni, vecchie e nuove, che hanno dato il La a una parte consistente del nuovo corso: Dntel, Radioactive Man, Mary Lattimore e MimiCof tutti con una traccia a testa.
Sempre di Indietronica si tratta, delizioso e desueto vocabolo anni 2000, dai canoni estetici meno rarefatti e sussurrati rispetto ai lavori precedenti: un'evoluzione che sorprenderà in positivo i fan dei Lali Puna lasciando piuttosto tiepidi tutti gli altri, quelli che per intenderci si avvicinano a queste atmosfere in cerca di un feedback immediato.
"Two Windows" infatti è sì gradevole, di facile ascolto, concettualmente leggero e solare, ma passa via senza incidere realmente, senza mordere lo spirito e/o il cervello.
Certo, sono minuti di svago orizzontale  quelli che scorrono con "Two Windows", "The Frame", "Her Daily Blank", "Byrds Flying High" e la cover versions di "The Bucket" (Kings Of Leon), ma che regalano un retrogusto di persistente insoddisfazione. Un mix letale tra "il fuori tempo massimo" di una progetto come "Two Windows" e la forma muzak di molte sue tracce, una sorta di tappezzeria senza contesti ben precisi cui adattarsi.
Probabilmente ci vorranno altri 7 anni per ottenere risposte sensate a questi arcani, magari con il 6° album di Valerie & Co. Nel frattempo sopravviveremo comunque, e bene, nonostante i Lali Puna e l'inquieta  Morr generation.








Davide Monteverdi


giovedì 28 settembre 2017

IRON & WINE: "BEAST EPIC" (Sub Pop, cd 2017).



"Beast Epic" è un album delicato, intimo, vellutato, emotivo, centellinato con grazia e stile, contrastato sotto la pelle e talmente comodo in quella zona vicino al cuore, che il tasto on repeat del lettore è diventato incandescente.
Davvero, è stata un'esperienza d'ascolto tutta nuova per me, bucato nell'anima, in un'innocente domenica mattina di metà Settembre.
Nulla di rivoluzionario o copernicano nelle orecchie, anzi, si trova probabilmente in questo stand by esistenziale la bellezza del nuovo e 6° album di Iron & Wine.
La linearità delle composizioni, al netto di qualsiasi nota autoreferenziale, è un lusso disponibile per pochi compositori, così come lo sono le 12 canzoni ricamate di Musica e sentimenti, di arrangiamenti basici e minuti che trascorrono senza incertezze, piacevolissimi, e soprattutto interpretati  con una maturità invidiabile.
Il ritorno in casa Sub Pop corrisponde ad un ideale viaggio a ritroso per Sam Beam ed il suo progetto: ritrovarsi come agli inizi, voce e chitarra, in uno studio spoglio con un pò di amici e qualche bottiglia a maneggiare una materia plastica e generosa, pericolosa e dannata, con le velleità di chi ha già giocato col fuoco, a volte vincendo di misura.
Bravi davvero gli Iron & Wine (considerando tutti gli attori in campo) a sottrarre con maestria, a tratteggiare piccole storie semplici quanto scheletriche che si assomigliano senza mai coincidere perfettamente. La noia è bandita nonostante una narrazione quasi sussurrata e mai sopra le righe.
Per me è stato così il primo incontro diretto e inatteso con "Beast Epic": innocente e disarmato, complice l'indolenza del tiepido mattino di fine estate.
Così mi ha fatto innamorare, senza un vero perchè, la storia dell'artista che attraversa il mondo con consumato disincanto, lasciandosi vezzeggiare da momenti malinconici che ammansisce di esperienza, ma che non inficiano l'atmosfera comunque sognante e luminosa dell'album.
Si dice che dopo i 40 si tirino le somme un pò su tutto e allora mai come in questo periodo Sem ed io siamo stati sulla stessa rotta, ponendo domande con la consapevolezza di non avere tempo per aspettare le risposte.
Ecco cos'è in soldoni il progetto Iron & Wine 2017: folk modificato con bypass, luminoso come il sole d'autunno, avvolgente e protettivo come la coperta di Linus.
Poi canzoni come "Claim Your Ghost", "Bitter Truth", "Call It Dreaming" e "Last Night" restano lì, appiccicate alle pareti di casa per non essere dimenticate, anzi, per non dimenticare.





Davide Monteverdi.

mercoledì 30 agosto 2017

FOUR BY ART: "INNER SOUND" (ArtRec/Area Pirata, Cd 2017).


Ci sono voluti quasi tre anni in studio per apprestare il rientro discografico dei Four By Art, leggendario combo psych/mod con il corpo a Milano e lo spirito nella Swinging London.
Anni spesi a testare su strada il nuovo materiale musicale e a rodare la nuova formazione dopo la dipartita di due dei membri originari, Demetrio e Giuseppe, cui l'album è dedicato.
Il risultato è "Inner Sound", frutto della collaborazione tra Artrecords e Area Pirata: un bellissimo cd a tiratura limitata (300 copie) suddiviso in 13 episodi, dalla grafica strepitosa opera di Grace e dal sapore fresco e danzereccio che ha dissipato ogni dubbio di sorta su questo rientro quasi epocale, dopo la reunion del 2002.
A 30 anni suonati da quel "Everybody's An Artist With Four By Art" che ne sancì lo scioglimento rimane solo Filippo Boniello della formazione originale al timone, sostenuto però da un gruppo coeso di amici/musicisti 
in linea perfetta  con il manifesto estetico dei Four By Art. Vale a dire un rockettone energico sporcato di r&b, psichedelia e garage beat travolgente il tutto poi filtrato in chiave strettamente 60's e di impatto immediato sui garretti degli astanti.
Ottime anche la scelta delle cover da inserite nella tracklist,"Allora Mi Ricordo" dei New Trolls e "Sorry" dei Three O Clock, veri e propri cavalli di battaglia nei loro live infuocati.
Perchè non bisogna scordarsi mai che i Four By Art sono una fottuta party band selvaggia e che, soprattutto, non fa prigionieri.
Hands up per: "I'm Burning", "Living For Today", "Sorry", "Take your Time", "Say Something".





Davide Monteverdi


domenica 20 agosto 2017

EFFERVESCENT ELEPHANTS: "GANESH SESSIONS" (Area Pirata, Cd 2017)


Area Pirata, sempre sia lodata, riesuma questa session degli Effervescent Elephants datata 2013 nell'ambito di un'ampia operazione di recupero di ciò che definiremmo memoria storica, preziosa memorabilia, nuova coscienza di massa e quant'altro all'insegna dell'italian pride musicale.
Impresa titanica certo, da cui non sfugge, chiaramente per merito, la band di Vercelli capitanata da Lodovico Ellena il mastermind della neopsichelia tricolore degli anni 80.
"Ganesh Sessions" fotografa con precisione millimetrica il (probabile) testamento sonoro post collaborazione con Claudio Rocchi del gruppo: le influenze orientali riattate, la devozione quasi totale ai primi Pink Floyd e Syd Barrett, quell'amalgama unica che ha reso le sonorità degli Effervescents Elephant motivo di culto al di là di mode e redazionali.
L'album esce qualche mese fa in confezione digipack limitato a 300 copie e gli 11 pezzi della tracklist altro non sono che reinterpretazioni 2.0 di alcuni loro cavalli di battaglia tra cui spiccano per impatto  "Indian Side", "Radio Muezzin", "My Generation", "It's Raining" e le immancabili cover di "Maze" (Barrett) e "Astronomy Domine" (Pink Floyd).
La vera sorpresa però è "December" brillantissima cover degli Strange Flowers, orgoglio pisano, suonata e vissuta con un'intensità devastante: come se i Dream Syndicate strafatti di acido ed il Paisley Underground tutto fossero nati e cresciuti nella tranquilla provincia piemontese di una dimensione parallela. In un solo aggettivo STUPENDA!
In chiusura si fa apprezzare anche "Astral Raga" la lunghissima composizione (11'23") in memoria di Claudio Rocchi, vero e proprio mentore degli EE, che ha le tinte del viaggio cosmico senza tempo e senza direzione più che di masturbazione estetica.
Resta poi lo spazio per il remix elettronico di "Apollo e Le Muse"a chiudere "Ganesh Sessions", brano scritto a quattro mani proprio con l'artista milanese, e che non stona assolutamente nel quadro d'insieme di questo bel progetto.
Ecco: questi erano gli Effervescent Elephants, dervisci in un'Italia irriconoscibile e forse riconoscente, corrieri cosmici votati all'esotismo e alla psichedelia sixties, sciamani sinceri al netto di pesanti etichette e tristi revivalismi 





Davide Monteverdi.

mercoledì 9 agosto 2017

FOALS @ Circolo Magnolia.



Per l’unica data italiana del tour dei Foals ci si aspettava il pienone che non c’è stato.

Forse, complici le vacanze estive e un periodo di culmine per un sacco di cose, il principio della dispersione ha trovato la sua dimostrazione empirica in un Magnolia comunque vivibile e gioioso, danzante e festoso in una serata mite e ventilata. Il quintetto di Oxford si è presentato sul palco alle 22.30 in punto sciorinando tutto il meglio del proprio repertorio discografico. Quindi apertura con uno Yannis Philippakis che introduce in solo “Mountain At My Gates” alla platea, facendo subito intendere il doppio binario che l’esibizione seguirà. Ovvero l’alternanza matematica di fasi intimiste, che vanno a pescare nel meglio del calderone anni ’80 anglosassone, con i continui crescendo e le fitte trame di chitarra, basso e batteria che a sprazzi raggiungono picchi di sorprendente potenza e tecnica sopraffina. Ecco, il concerto dei Foals è tutto qua! Una spremuta agrodolce che richiama echi di EMOzionale memoria collettiva e la percepibile riluttanza della band a buttarsi in toto nelle braccia del Pop da facile airplay. Abito che, ora come ora, calzerebbe loro discretamente bene: le canzoni giuste ci sono, così come la presenza scenica e i coretti ruffiani per riempire il tempo. Resta il fatto che l’esibizione soddisfa, ma non esplode mai realmente. C’è l’impiccio delle fasi chiaroscurali, forse un pò troppe, a scapito dell’impeto furioso ed è questa sorta di rimodulazione che afferra per le palle solo i fan, ma non convince fino in fondo chi aveva voglia di godersi una serata di musica e qualche birra con gli amici. Complice anche il volume (limitato) della venue, che ad un certo punto ha addormentato tutto in nome di regole che nel 2017 dovrebbero, probabilmente, essere riviste in chiave migliorativa e al rialzo. I Foals, comunque, di riffa o di raffa trovano la via del trionfo nella notte milanese delle prime fila, inanellando quindici pezzi pescati in democrazia da tutti e quattro i lavori di studio: “Black Gold”, “Heavy Water”, “Snake Oil”, “My Number”, “Two Steps, Twice” risultano convincenti e profonde dal vivo , ma solo con “Inhaler” e “What Went Down” in chiusura scuotono davvero le interiora degli astanti. Lasciandoci però senza anticipazione alcuna su quale sarà la direzione del nuovo album in uscita per la fine del 2017 inizio 2018. Bellini, bravini, innocui.






lunedì 10 luglio 2017

THEE FUZZ WARR: "EMPORIUM & OVERDOSE" (Area Pirata, 2017)



Con il caldo di questa estate torrida c'è bisogno di frescura e zozzume in egual misura.
Forse la musica dei Thee Fuzz Warr può fare al caso nostro e sopperire almeno alla seconda parte dei nostri pruriti più intimi.
La band, alla fine un power duo chitarra e batteria, di il Santo e Pinna (Last Killers, Hormonauts) licenzia per Area Pirata (sempre sul pezzo quando si tratta di suoni borderline) un esordio di tutto rispetto.
"Emporium & Overdose" esce infatti a febbraio 2017, è un vinile limitato a 300 copie, con 12 episodi ben distribuiti nei meandri della follia rock and roll, che neanche sembra concepito e suonato in Italia, ma in qualche squat californiano o dentro baracche di rednecks strafatti di metanfetamina.
I suoni sono storti e distorti, i vocals aggressivi e filtrati il giusto, portando il tiro nei territori di gentaglia come Ty Segall, Fuzz, Thee Oh Sees e similari.
Insomma in un parola è Garage virato 2.0 che in cuor mio, e sono bastardo, mi sento di consigliarvi "caldamente".
Applausi per la super copertina disegnata da Edie Fake.
Comprate.
Godete.
Diffondete.


Davide Monteverdi









mercoledì 5 luglio 2017

Bad Bad Not Good live @ Magnolia x RollingStone.it




Nonostante le previsioni metereologiche avverse per assistere a un concerto all’aperto con il godimento necessario, mi faccio guidare dall’entusiasmo per i BadBadNotGood e mi dirigo a Milano tra lampi e nuvole nere e basse. Il meteo per fortuna non c’azzecca a ‘sto giro e mi presento sottopalco al Magnolia che sta spiovendo e il pit incomincia a rinfoltire le fila di chi, come me, è più uno spettatore curioso di questo esperimento sonoro che fan accalorato. Alle 22.30 in punto (quasi) i BadBadNotGood si presentano sul palco e partono a razzo improvvisando il tema musicale di James Bond, nel generale tifo da stadio mixato ad un certo stupore in merito all’età media del power trio di Toronto. Sembrano giovanissimi (si narra che siano del 1996), rilassatissimi ed incredibilmente competenti nel masticare 60 anni di storia e vibrazioni sottocutanee, risputando sulla folla una miscela di modern jazz, future beats, jazz rock e prog da far venire la pelle d’oca a un sordo. Certo, c’è Coltrane che sottende a quasi tutti i 75 minuti di live, ma il profumo è quello delle radio pirata inglesi, di certe trasmissioni su Jazz Fm pilotate da Eddie Piller, grazie soprattutto al toasting di Alexander Sowinski, batterista delle meraviglie oltrechè divertito e divertente Mc della serata.Insomma tutto gira benissimo e la band si concede intermezzi come Tequila dei Champs o lunghi intro psichedelici mentre snocciola quasi tutto IV, l’ultimo album licenziato nel 2016. Applausi più che meritati anche a Matthew Tavares (tastiere), Chester Hansen (basso, effetti) e a Leland Whitty (sassofoni, flauto), altro mattatore della serata con i suoi assoli ficcanti come rasoi e l’attitude di chi la sa lunga sulla vita di palco, nonostante le scarse primavere sulle spalle. Davvero una sorpresa al di là di ogni più rosea aspettativa questo gig, soprattutto la resa dal vivo dei BadBadNotGood risulta esponenzialmente superiore a tutti i loro album appiccicati insieme: molto più ironici, immediati, leggeri, istrionici e d’impatto grazie ell’empatia contagiosa che i kids canadesi riescono a sprigionare nell’aria. 

Welcome in this beautiful Thursday night”.


Davide Monteverdi













ROLLODEXX x RADIO RAHEEM x LE CANNIBALE. FULL VIDEO!!!!





martedì 20 giugno 2017

Chastity Belt: "I Used To Spend My Time Alone" (Hardly Art, 2017)



"I Used To Spend My Time Alone" è il terzo lavoro di studio per le Chastity Bell.
Ed è un album affascinante. Sotto ogni punto di vista.
Una sorta di vademecum per chi volesse assaporare la magia delle sonorità indie degli anni 90, al di là dei revival vuoti e semplicistici.
Già dall'incipit "Different Now" senti riverberi di Pavement, Wipers (originari di Portland, Oregon, dove si trovava lo studio di registrazione di questa session), Nirvana, Sonic Youth, e ne cito così pochi per via dello spazio, non per mancanza (loro) di ispirazione.
E sì, le cadenze un pò slacker e un pò shoegaze del combo ora in pianta stabile a Washington mi piacciono tantissimo.
Ci sono 10 canzoni più 3 bonus tracks in questo "I Used To Spend My Time Alone" ed ognuna raccoglie una piccola storia, a volte bella a volte no, che ti rapisce l'anima.
Di mattina come a notte fonda.
Perchè quella voce lì, con quelle chitarrine lì possono sembrare immobili, ma trapanano il cuore come nessun'altro nell'afa di Giugno quasi estate.
L'applauso globale va a "5AM", l'episodio che chiude formalmente la tracklist e che molla un paio di schiaffi energici a difese abbassate, un mix perfetto e commovente tra i primi Cure e le malie chitarristiche dell'indimenticabile Greg Sage.
Approvato!

Davide Monteverdi








giovedì 15 giugno 2017

CCM: "The Furious Era 1979 - 1987" (Area Pirata, 2017)




Quando una volta si parlava di Granducato Hardcore il primo nome che usciva dalle bocche di tutti era proprio il loro: CCM, per gli iniziati, o Cheetah Chrome Motherfuckers, per tutti gli altri.
Da Pisa con furore la band di Dome La Muerte (poi nei Not Moving) e soci seminò il panico in tutto lo stivale per poi riversare furia e italian pride nel resto d'Europa e pure negli Stati Uniti.
Quelli furono anni magici per l'Italia antipop: avevamo molto da dire e spesso lo urlavamo meglio di chi aveva la fortuna di non essere nato alla periferia dell'Impero.
Erano gli anni di Negazione, Indigesti, Raw Power, Wretched, delle autoproduzioni, e dei centri sociali che spingevano la cosiddetta scena.
Si correva come pazzi, si sputavano sangue e sudore, e l'attitudine era tutto.
I CCM però erano diversi.
Avevano una sorta di marcia in più, dove l'impellenza espressiva non era unicamente la mera sommatoria di testi rabbiosi, musica spaccaorecchie e stage diving, ma anche, e soprattutto, l'area di sfogo del notevole carisma di chi il palco lo sgretolava sera dopo sera.
Durarono più o meno dal 1979 al 1987, dando alle stampe una discografia tanto estesa quanto schizofrenica, ora preda di collezionismi altrettanto isterici.
Ci salva dal destino (economicamente) avverso la sempre pregevole Area Pirata che qua combina l'affaire dell'anno e che, con la supervisione degli stessi CCM, dà vita a questa raccoltona super esaustiva e rimasterizzata che ripercorre le tappe salienti della vita della band, corredata inoltre dai preziosi inserti contenenti testi e moltissime foto inedite.
Per il formato c'è solo l'imbarazzo della scelta tra il doppio cd che potremmo definire "deluxe", con un inedito, e l'edizione gatefold in doppio vinile nero 140 grammi.
Insomma un acquisto che nel 2017 si rivela imprescindibile per chi ama l'hardcore in tutte le sue declinazioni, al di là di qualsiasi appartenenza anagrafica.
Radici e orgoglio!

Davide Monteverdi.









martedì 18 aprile 2017

PORTER RAY: "WATERCOLOR" (Sub Pop 2017)


Qualsiasi cosa, anche la meno conosciuta, merita rispetto ed almeno un ascolto quando esce su Sub Pop.
La storia dell'Indie Rock e della Musica Alternative a stelle e strisce degli ultimi 3 decenni, più o meno, parte da Seattle. 
Che è guarda caso la città natale di Porter Ray, rapper di nuova generazione su cui la label ha deciso di investire per questo debutto sulla lunga distanza.
Va detto fin da ora, e per chiarezza, che "Watercolor" non è un album che sgorga dal solito background MTV meets Ghetto, ma scaturisce dal sangue sofferente di chi nella vita ha perso quasi tutto.
Il padre per una malattia degenerativa, il fratello in una sparatoria, la compagna in un incidente stradale.
Al netto della nascita del figlio Aron, sfighe così ti stroncherebbero in un secondo netto, gettandoti nell'abisso dove non servono porte da sbarrare con rabbia.
Porter però reagisce con fermezza, trasforma il veleno in medicina, butta la sua storia in rime veloci e pressanti, sottolineate da beats profondi e notturmi quanto ammalianti ascolto dopo ascolto.
Questo per confermare che ognuno dei 14 episodi è una piccola raccolta di diapo nitide ed in perenne scivolamento laterale.
Un disco dove la catarsi è il principio iniziale e l'architettura sonica diventa buona per notti d'inverno soprattutto interiori.
Bravo Porter Ray, davvero!
Perchè l'operazione in toto sembra ben riuscita, così come le numerose collabo che butta nel piatto ed il mixaggio pregiato di Erik Blood, fine ed astuto ricamatore di atmosfere metropolitane.


Davide Monteverdi










martedì 28 marzo 2017

ROLLING BLACKOUTS F.C. || THE FRENCH PRESS (Sub Pop,17).


Il quintetto di Melbourne, capitanato dal cantante/chitarrista Fran Keaney, butta sul mercato per la celeberrima Sub Pop questo nuovo, secondo, Ep di 6 canzoni.
Ed è standing ovation.
Già.
Non è facile uscire nel 2017 coniugando il meglio dell'indie pop degli ultimi 30 anni almeno: freschezza delle chitarre, songwriting emozionale, produzione precisa, intensità della performance.
In "The French Press" trovate tutto questo frullato insieme con grande sagacia ed estremo godimento per l'ascoltatore.
I Rolling Blackouts F.C. bissano così il precedente "Talk Tight" e riescono pure a strappare un 8 abbondante ai tizi di Pitchfork, e per la seconda volta consecutiva.
Dunque se unite tutti i puntini avrete per le mani gli eredi di Feelies e Go Betweens, immersi nella quotidianità 2.0.
E che quotidianità, che quasi non ti sembra vero di avere per le mani questa bombetta, chiudi gli occhi e pare di viaggiare in una college radio del 1984.
Strepitoso!










Davide Monteverdi

martedì 21 marzo 2017

AREA PIRATA PT 4: Italians Do It Better!!!


"Second Skin2 è il 6° album dei bolognesi Cut.
E come sempre è un pugno in faccia dopo la scorpacciata di Nutella.
Suoni muscolari, liriche profonde come cicatrici che non rimarginano, atmosfere che si fanno spazio nel grigiore della penisola e si proiettano oltre confine, pronte ad abbattere qualsiasi dancefloor emozionale.
Nei 12 pezzi di "Second Skin" c'è davvero tutto, in primis i Cut.
Poi la New Wave, il Post Punk, il Glam e pure certe sonorità non da tutti, come quelli di matrice Amphetamine Reptile e dintorni.
Un inno all'alternative rock dei bei tempi, cantato con la modernità di un power trio sempre sul pezzo, pronto ad essere sminuzzato e rigurgitato dal vivo come ultimo test su strada.
Troviamo anche tante collaborazioni con amici vecchi e nuovi, per ribadire (come se fosse ancora necessario nel 2017) che la musica è condivisione e non loggia elitaria, e soprattuto il ponte tra Area Pirata con Dischi Bervisti, Bare Bones e Antipop.
Insomma una miscela esplosiva fin dalle prime intenzioni, detonata con estrema precisione e dedizione, non ultima all'ascolto attento da praticare con cura ed estrema attenzione.
Può nuocere ai timpani.
Bell'album, gran band, attitudine a pacchi.
Applausi ai kids di Bologna e soprattutto buon 20° compleanno!






"Fuoco E Fiamme" è prima di tutto bellissimo!
Dalla prima canzone all'ultima, 12 per l'esattezza.
Il secondo lavoro della band di Bergamo lavora sulla media distanza, soprattutto per gente come me, di primo pelo per la miscela di musica zozza che il trio smazza.
Una cocktail distillato con alcol scaduto e tantissimo Beat, Cave Rock, Garage, Prog e Oi, che ti lavora fianchi e cuore nel medesimo blitzkrieg a notte fonda.
La voce monocromatica e l'organo martellante di Ol Pjpa, trademark assoluti, ti scavano le vene e il buon umore senza pietà.
Insomma un veleno dolcissimo che Le Muffe, da veri rockers bastardi e consapevoli quali sono, ti inoculano col sorriso sulle labbra e la lentezza di un film di Kurosawa.
 L'addizione a "Fuoco E Fiamme" è incrementale e inarrestabile, ma io li attendo con enorme impazienza sotto qualche palco scassato, giusto per godermi questo spettacolo di massima decadenza serafica.
No, non mi drogo, ma a me sembrano proprio una rissa tra Nabat e Skiantos.
Se ci siamo capiti.
Comunque garanzie indiscutibili!








Davide Monteverdi




lunedì 27 febbraio 2017

SOULWAX @ MAGAZZINI GENERALI



Ed il giorno finalmente è arrivato. Perché va bene la partita, l’aperitivo con gli amici, le vasche in Darsena, il cinema con la squinzia, ma quando vola per aria il nome Soulwax tutto si ferma. Anzi. Tutto “deve” necessariamente cristallizzare nei cieli sopra la Madonnina, manco fosse una distesa di meth in Breaking Bad. I fratelli Dewaele, aka 2 Many Djs, tornano infatti per una notte sola a Milano, e in Italia, ad indossare gli abiti indie e stazzonati che li videro esordire vent’anni fa, con la pazza idea di conquistare la città e una manciata di sorprese. La prima è la formazione a sette di recente assemblaggio, c’è Iggor Cavalera a pilotare una delle tre batterie (tre), un palco stellare e, soprattutto, nuove bombe undici anni dopo il tellurico “Nite Versions”. Ricordate poi quella “Transient Program For Drums And Machinery” in free download sulla rete mesi fa? È probabile che quegli otto minuti e rotti di viaggione space indichino la nuova pelle sonica dei Soulwax. Anche se l’unica certezza all’orizzonte è che lo show sarà selvaggio e il test perfetto per l’album in uscita. Quindi vogliatevi tanto bene: biglietti alla mano, tasche con un po’ di magia, maglie di ricambio e piedi lesti.
DAVIDE MONTEVERDI







mercoledì 25 gennaio 2017

BEN WATT + BERNARD BUTLER @ SANTERIA.



Dopo il vuoto pneumatico di gennaio, finalmente la musica torna a riaccendere Milano. Difficile trattenere l’emozione: ebbene sì, Ben Watt – metà barbuta degli Everything but the Girl e di molte altre cose sfiziose – fa scalo in Viale Toscana con al fianco Bernard Butler per presentarci il nuovo album Fever Dream, composto a quattro mani con il chitarrista degli Suede e un pugno di ospiti uber cool a corollario. Lasciate a casa però le danze sfrenate e i consueti orpelli da concerto, e preparatevi a planare su oniriche pianure irradiate di folk e caramelle psichedeliche. Attenzione: evento ad alto tasso di emozioni.

Davide Monteverdi